Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Myrath
Shehili
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/05/19
STORMHAMMER
Seven Seals

24/05/19
DESTRAGE
The Chose One

24/05/19
VISIGOTH
Bells of Awakening (EP)

24/05/19
ODYSSEY
The Swarm

24/05/19
MARCO HIETALA
Mustan Sydämen Rovio

24/05/19
LEFUTRAY
Human Delusions

24/05/19
NOCTURNUS A.D.
Paradox

24/05/19
REVEAL
Overlord

24/05/19
SOTO
Origami

24/05/19
STORMLORD
Far

CONCERTI

23/05/19
BLACK TUSK
LIGERA - MILANO

24/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Pika Future Club, Verona

24/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 1)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

24/05/19
STORMLORD + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

25/05/19
SCUORN + GUESTS TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

25/05/19
METAL FOR KIDS UNITED
CROSSROADS - ROMA

25/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 2)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

25/05/19
ELECTROCUTION + GUESTS
ROCK HEAT - AREZZO

Black Sabbath - Seventh Star
( 6506 letture )
L'insolito "Black Sabbath featuring Tony Iommi", con la sola immagine del chitarrista inglese sbrigativamente appiccicata in copertina, si legge più come un sinistro avvertimento, piuttosto che come una stuzzicante premessa all'ascolto. Allora qualche dubbio ti viene, perché se anche per le uscite soliste del musicista di Birmingham si sarebbe dovuto aspettare il 2000 (Iommi), il disco sembra fare di tutto per mettere l'ingombrante nome della band in secondo piano. Orfano già nel 1985 di David Donato, Bill Ward e Geezer Butler (unico membro fino ad allora permanente), ciò che rimane dei Black Sabbath si vede dunque costretto, per il rispetto di un vincolo contrattuale, a garantire un'uscita discografica che ne porti il nome: tocca quindi ad uno stressatissimo Iommi, armato di baffi d'ordinanza e giubbottino in pelle pesantemente sfrangiato, farsi carico di un compito tanto improbo, soprattutto nei confronti degli esigenti fan.
La sua figura, coraggiosamente sola in mezzo alle sabbie del deserto, sembra richiamare un parallelo storico/artistico col tormento mentale sofferto da Sant'Antonio d'Egitto, figura storica alla quale il chitarrista sembra dedicare non solo la decorazione in retrocopertina ma anche alcuni versi di Sphinx e Seventh Star (“…let my spirit go, lead my burning soul to rest…a thousand chanting souls, waiting judgment from God’s hand…the pyramids will fall…" e ancora "…the star will rise again, until destiny is done").

Il dodicesimo album targato Black Sabbath vede quindi la luce come prodotto musicalmente solista ed affidato in sede di registrazione alle cure di nomi affidabili e blasonatissimi -ulteriormente rimescolati in occasione del successivo The Eternal Idol- quali Glenn Hughes (ex bassista e cantante di Trapeze e Deep Purple), Dave Spitz ed Eric Singer. Viene inoltre riconosciuto come membro ufficiale il tastierista Geoff Nicholls, che insieme a Hughes e Jeff Glixman collaborerà ai testi. Il gustoso quanto drammatico aneddoto iniziale viene ben presto dimenticato, dal momento che -almeno nella sua prima parte- Seventh Star suona come un album dei Sabbath, dei "moderni" Sabbath anni Ottanta, a tutti gli effetti. Per quanto impercettibilmente guitar-oriented, nel disco prevale ancora quel contrasto tra il pesante grigiore dei cieli inglesi e l'agilità con la quale la band sa correre sotto di essi, forte della sue professionalità. La batteria di Singer, ingombrante e riverberatissima come imponevano i tempi e le laccate pettinature, pesa come un ritmato macigno su tutte le composizioni: dalla tuonante opener alla ballad non ispiratissima che la segue, questi sono Sabbath suadenti e forse ammorbiditi, rilassati, complici e tuttavia capaci di guadagnarsi l'agognata pagnotta, mentre le canzoni richiamano video con il talco pronto ad esplodere ad ogni percussione del rullante. Dalla semplicità trascinante di Turn to Stone, che con i suoi tre minuti e trenta sembra fatta apposta per l'ascolto radiofonico, all'inarrestabile marcia orientaleggiante della title-track, l'album propone un ascolto facile (sulla riuscita o meno di No Stranger to Love i fan sono tuttora profondamente divisi), ma non una prova svogliata, complice l'eccellente performance di Hughes alla voce, e ci si chiede quale impressione avrebbe destato un'opera del genere scevra del gossip iniziale e candidamente firmata, ulteriormente personalizzata dal solo Iommi. La somma delle parti di Seventh Star suona come un disco parzialmente inespresso, forse per l'intenzione, o piuttosto l'umana debolezza, di tenere il piede in due staffe piuttosto distinte, assicurando una pacata coesistenza tra le aspirazioni creative personali, più dedite all'introspezione ed all'elaborazione mistica, e le diverse influenze che la band aveva progressivamente perso per strada. Tuttavia, i quaranta minuti di musica messi sul piatto sono, nonostante i citati affanni e defezioni, atmosferici e profondamente musicali, pronti a sterzare con decisione di fronte alle banalità, reagendo col corposo blues di Heart Like a Wheel alla commercialità smaccata di Danger Zone ed Angry Heart, capaci in sintesi di quella magia di convincere con ciò che, almeno in apparenza, pare poco.

In un decennio più incline al godereccio scintillio del glam piuttosto che al sinistro doom della provincia britannica, Seventh Star suona inevitabilmente contaminato ma non svenduto, gentilmente imbastardito, di certo non imprescindibile, ma portato a casa con senso pratico ed indubbia dignità di fronte alle circostanze avverse. I tormenti non si sarebbero infatti esauriti con la pubblicazione: all'album seguì un tour durante il quale Hughes ebbe gravi problemi con la voce, che si deteriorò a causa di un pugno alla gola ricevuto durante una lite con l'ex manager del gruppo Don Arden. Dapprima si tentò di rimediare facendo cantare Hughes in playback (la voce originale era del tastierista Nicholls), successivamente si decise di licenziare il cantante per sostituirlo con il compianto Ray Gillen. Nonostante tutto, l'uscita sfrontatamente targata Black Sabbath è un vinile che scorre placido ed imperturbabile come il miglior classic rock, ordinato ed un filo scolastico nelle finali derive AOR, esclusivamente consapevole del suo presente e senza velleità progettuali, né di artistica continuità. A distanza di ventisei anni, l'augurio è che il polistrumentista figlio di immigrati italiani possa risolvere i problemi di salute che lo hanno recentemente afflitto con la stessa efficacia con la quale impacchettò questo disco, che di sicuro "non conquistò il mondo...ma sarebbe potuto risultare molto peggio". Vale, Tony.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
70.41 su 58 voti [ VOTA]
Luka 2112
Sabato 13 Aprile 2019, 1.12.03
34
Comperai il vinile alla suasa uscita, e nonostante sia a tutti gli effetti un album di Iommi e Hughes come il bellissimo Fused” è bellissimo. Poco importa se non suona come Sabotage o Mob Rules..Un musicista come Iommi ha sempre dimostrato di sapersi evolvere esplorando vari aspetti della propria arte filtrandoli attraverso una grandissima personalita’ stilistica, basterebbe la title track, ma tutto l’album si mantiene su ottimi livelli.
Aceshigh
Mercoledì 8 Novembre 2017, 21.19.21
33
Scusate, non so perché mi ha scritto quattro volte il commento. Magari ho fatto del casino io. Vi prego di cancellare quello che è di troppo!
Aceshigh
Mercoledì 8 Novembre 2017, 21.17.45
32
Quello che salta subito alle orecchie ascoltando questo album è il suo essere... anomalo. Suona poco Sabbath, anche se in qualche frangente sembra anticipare alcune cose di The Eternal Idol, quasi fosse un passo obbligato per poter aprire una nuova fase nella storia della band, una fase stilisticamente abbastanza diversa da ciò che c'era stato nel passato (più o meno recente). Ad ogni modo rimane un bel disco! Almeno metà delle canzoni sono notevoli. Voto 80
Aceshigh
Mercoledì 8 Novembre 2017, 21.13.33
31
Quello che salta subito alle orecchie ascoltando questo album è il suo essere... anomalo. Suona poco Sabbath, anche se in qualche frangente sembra anticipare alcune cose di The Eternal Idol, quasi fosse un passo obbligato per poter aprire una nuova fase nella storia della band, una fase stilisticamente abbastanza diversa da ciò che c'era stato nel passato (più o meno recente). Ad ogni modo rimane un bel disco! Almeno metà delle canzoni sono notevoli. Voto 80
Aceshigh
Mercoledì 8 Novembre 2017, 21.09.58
30
Quello che salta subito alle orecchie ascoltando questo album è il suo essere... anomalo. Suona poco Sabbath, anche se in qualche frangente sembra anticipare alcune cose di The Eternal Idol, quasi fosse un passo obbligato per poter aprire una nuova fase nella storia della band, una fase stilisticamente abbastanza diversa da ciò che c'era stato nel passato (più o meno recente). Ad ogni modo rimane un bel disco! Almeno metà delle canzoni sono notevoli. Voto 80
Aceshigh
Mercoledì 8 Novembre 2017, 21.08.20
29
Quello che salta subito alle orecchie ascoltando questo album è il suo essere... anomalo. Suona poco Sabbath, anche se in qualche frangente sembra anticipare alcune cose di The Eternal Idol, quasi fosse un passo obbligato per poter aprire una nuova fase nella storia della band, una fase stilisticamente abbastanza diversa da ciò che c'era stato nel passato (più o meno recente). Ad ogni modo rimane un bel disco! Almeno metà delle canzoni sono notevoli. Voto 80
Rob Fleming
Domenica 17 Gennaio 2016, 14.25.11
28
Ancora una volta il gran cerimoniere si affida all'ugola di un ex Purple ed il risultato è strabiliante. Disco in sé e per sé anomalo nella discografia del Sabba Nero, ma imprescindibile per capire la grandezza del duo Iommi-Hughes. Quest'ultimo all'epoca, malgrado fosse disfatto ad sostanze più o meno lecite, era ancora una potenza assoluta come attestano Heart like a wheel in cui la sua voce letteralmente fa meraviglie (e Iommi piazza uno dei suoi migliori assoli di sempre) ed In memory in cui il cantante raggiunge vette disumane. Ma tutto l'album, assai variegato, è splendido. Dal metal terremotante di In for the kill alla ballata No stranger to love, dall'HR di Turn to stone alla bellissima Seventh star. A mio avviso degno di stare a fianco di altri classici. 80
Philosopher3185
Lunedì 10 Febbraio 2014, 15.59.22
27
Come ha scritto qualcuno,questo disco potrebbe benissimo intitolarsi solo Iommi!! ad ogni modo è un buon album hard rock,tranquillo che svela un lato piu' melodico dei sabbath..come se i Bon Jovi,fosserò piu' cupi.
costa
Martedì 28 Gennaio 2014, 16.40.13
26
allora considerarlo dei black sabbath e' un po' forzato poi pero' e' un disco stupendo iommi e hughes da brividi .....90-95
Cynic
Mercoledì 15 Gennaio 2014, 12.05.52
25
Altro Capolavoro questo Seventh Star, Voto: 89/100. Semplicemente un lavoro GRANDIOSO con dei riff tra i migliori della carriera di Tony Iommi, canzoni una più bella dell'altra e poi la Durata 34 min. che si ascoltano con immenso piacere, per poi ripetere l'ascolto all'infinito.
Alex
Domenica 22 Dicembre 2013, 15.14.44
24
Questo disco c'entra poco con i Black Sabbath, al pari di Come taste the band con i Deep Purple. Ma che problema c'è? Si fanno ascoltare al meglio, e quindi il mio voto è più che positivo.
Ste
Lunedì 9 Settembre 2013, 18.46.30
23
stupendo! è un disco perfetto... anche se la line up del sabba e assente, il platter non mostra mai il fianco..e nonostante sia uno dei dischimeno conosciuti del sabba, bhe c'è da congratularsi per il risultato che moltissime band che sia allora che oggi si sognano ..voto 86 fate voi..ascoltatelo!!
D.P.
Venerdì 21 Giugno 2013, 19.42.52
22
richiamato anche dal titolo piu' che un disco dei Sabbath e' un solista di Iommy, aggravato dal fatto che i musicisti che ne fanno parte con i Sabbath precedenti non centrano nulla tranne per Geoff Nichols vero 5 membro in penombra aggiunto. Il buon Iommy da vecchio lupo di mare qual'e' radunando degli illustri session man dell'hard rock (Eric Singer alla batteria ora Kiss e Dave Spitz al basso) a pero' dato vita ad un ibrido, con buone soluzioni, ma pur sempre un ibrido deludendo le attese. Sostanzialmente e' un buon lavoro ma niente piu'. Neanche "sua maesta'" Glenn Hughes (qui solo cantante) che con tutto il fascino e carisma della sua splendida voce non riesce ad elevare la qualita' del disco al livello che meriterebbe. Immaginatelo con i vari Ozzy, Dio, Appice, Butler, Gillan, Murray, Powell etc ? Ok, ok chiedo forse troppo.
sadwings
Domenica 9 Giugno 2013, 19.32.21
21
A me piace molto questo album anche perchè adoro glenn hughes (anche no stranger to love a me piace). Effettivamente di sabbath non ha molto ma essendo stata una imposizione della casa discografica non credo che si possa imputare qualcosa a Iommi.
warrior63
Venerdì 7 Giugno 2013, 9.37.11
20
addirittura "una mezza merda"....a me è sempre sembrato una bomba...un grande album,ottimi musicisti..album sottovalutato.
iommi
Mercoledì 3 Aprile 2013, 20.59.10
19
Per me invece i Black Sabbath sono Iommi e questo è il primo disco in cui ne abbiamo la riprova inconfutabile. è pienamente un disco dei Sabbath; anzi,secondo me avrebbero dovuto usare il moniker anche per il più recente FUSED (altro capolavoro). Che altro dire se non che è un disco meraviglioso che avrebbe meritato di avere un buon tour mondiale a almeno un seguito discografico;purtroppo in quel periodo della sua vita Glenn Hughes era messo malissimo (per fortuna si è ripreso in modo incredibile e inprevedibile: la sua foce di oggi è la stessa di 20 anni fa,la sua voglia di fare è aumentata così come la professionalità e con Iommi alla fine ci hanno accontentati con 2 dischi freschi freschi come Dep Session e Fused)
Arrraya
Sabato 26 Gennaio 2013, 22.41.35
18
Album bellissimo e che purtroppo risultò penalizzato proprio dal monicker Black Sabbath. Questo è un album solista di Iommi
marmar
Martedì 22 Gennaio 2013, 21.42.04
17
Sarà, ma io sono sempre stato innamorato di questo disco, il mastodontico riffone di "Seventh Star" è una delle cose più belle mai partorite dalla splendida sei corde del mitico Iommi. E poi canta Glenn, all'epoca pieno di roba fin sopra i capelli e completamente fuori controllo (basta leggere la bellissima biografia di Iommi), ma capace di arrivare a vette innarrivabili per qualsiasi altro cantante. Ottimo
blackie
Giovedì 6 Settembre 2012, 13.22.52
16
una mezza merda....se non ci fosse stato tony non avrebbe venduto niente.mai piaciuto comprato solo x la devozione che ho x i sabbath.
Sabbracadabra
Venerdì 6 Luglio 2012, 17.28.37
15
Uno dei dischi + belli dei Sabba, anche perchè ci canta il + grande di tutti : THE VOICE.
marmar
Martedì 8 Maggio 2012, 22.17.20
14
Mah, a me piace un casino, sarà per l'aurea di mistero che avvolge le canzoni, sarà per la splendida voce di Glenn (allora era ancora "fuori" ma cantava divinamente), in una delle sue rare apparizioni negli '80, sarà perchè le canzoni, la magnifica "Seventh Star" in testa sono molto belle, sarà semplicemente perchè ne sono affezionato. Da avere assolutamente, punto e basta.
fabio II
Lunedì 7 Maggio 2012, 14.56.37
13
Pur concordando con la rece di Marco, questo è un altro caso di cui si discuteva con Raven qualche giorno fa; nei mid '80 molti acts metal finirono per abbracciare il class, reale ispirazione o scaltro adeguamento commerciale? in quest'ottica preferisco il debutto dei Phenomena, praticamente coetaneo
Painkiller
Lunedì 7 Maggio 2012, 11.55.43
12
E' un album che non ho mai digerito, troppo AOR, troppo leggero e con la batteria troppo in primo piano. La classe dei componenti non è sufficiente ad elevare il mio giudizio, visto e sentito anche ciò che la coppia Hughes/IOMMI ha partorito nelle due uscite a loro nome, musica pesante e più BS di questo. 50.
Radamanthis
Domenica 6 Maggio 2012, 13.51.45
11
Appena sufficiente...i Sabbath sono altro!
Undercover
Domenica 6 Maggio 2012, 13.43.14
10
In una parola: piacevole, i Sabbath? Sono altra cosa.
FABRYZ
Sabato 5 Maggio 2012, 18.33.30
9
Secondo me il disco in se non e' male (hughes grande voce) ma c'entra poco con i sabbath, troppo morbidi x i miei gusti rispetto al loro suono del periodo classico con ozzy prima e rj dio dopo, questo cd lo considero alla stregua di un side project e basta
jek
Sabato 5 Maggio 2012, 13.41.42
8
Avevo comperato il vinile all'epoca e onestamente non mi ricordavo più di averlo. Sicuramente non mi aveva entusiasmato. Visto che l'ho ritrovato e l'avevo pagato £16.000 e visto il bel disegno nella copertina interna proverò a riascoltarlo ma con poco entusiasmo. Certo che nella foto di copertina Iommi non sprizza gioia...
xXx
Sabato 5 Maggio 2012, 12.51.47
7
i Sabbath han fatto molto ma molto, ma molto meglio!
BILLOROCK fci.
Sabato 5 Maggio 2012, 12.46.40
6
Rendiamoci conto.. black sabbath featuring iommi ?? ma per favore, nome profanato questi non sono i Sbbath, sono una band che ha come partecipante Iommy !! cmq tempo fa lo comprai questo disco, lo misi via dopo 3 ascolti, voto 50 !!
hm is the law
Sabato 5 Maggio 2012, 11.22.09
5
@ Hellion: grazie della segnalazione è ovviamente un refuso l'anno è il 1986. La correzione è stata eseguita.
Hellion
Sabato 5 Maggio 2012, 11.13.20
4
..si ma non è del 1976
hm is the law
Sabato 5 Maggio 2012, 10.45.09
3
L'album tutto sommato è valido, ma non l'ho mai considerato un disco dei BS. Doveva essere un lavoro da attribuire solo a Iommi, ma la casa discografica fece di tutto per metterci in qualche modo il monicker dei BS. Recensione ineccepibile, bravo Marco!
BLS Furlan Chapter
Sabato 5 Maggio 2012, 10.44.40
2
Sicuramente non è una delle uscite più fortunate del Sabba Nero. Però rimane comunque indubbia la classe di Tony Iommi. 75/100, ma di sicuro non l'avrei mai comprato se non ci fosse stampato sopra il suo nome e quello dei "Black Sabbath"...
LORIN
Sabato 5 Maggio 2012, 10.43.55
1
A me questo disco mi e' sempre piaciuto moltissimo anche perche' io amo la voce di Glenn Hughes e la chitarra di Tony in questo album e' veramente notevole.
INFORMAZIONI
1986
Vertigo Records
Heavy
Tracklist
1. In for the Kill
2. No Stranger to Love
3. Turn to Stone
4. Sphinx (The Guardian)
5. Seventh Star
6. Danger Zone
7. Heart Like a Wheel
8. Angry Heart
9. In Memory...
10. No Stranger to Love (Alternative Version)
Line Up
Glenn Hughes (Voce)
Tony Iommi (Chitarra)
Geoff Nicholls (Tastiere)
Dave Spitz (Basso)
Eric Singer (Batteria)
 
RECENSIONI
68
s.v.
87
62
79
75
87
90
83
76
78
85
91
95
83
69
90
93
97
97
92
s.v.
ARTICOLI
22/06/2016
Live Report
BLACK SABBATH + RIVAL SONS
Hallenstadion, Zurigo, 15/06/2016
21/06/2014
Live Report
BLACK SABBATH + BLACK LABEL SOCIETY + REIGNWOLF
Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO), 18/06/2014
14/12/2013
Live Report
BLACK SABBATH
O2 Arena, Praga, 7/12/2013
12/06/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, seconda parte
14/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I testi, prima parte
08/05/2012
Articolo
BLACK SABBATH
I Signori delle Tenebre
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]