Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Cryptic Writings #40
Clicca per ingrandire
Edgar Allan Poe
Clicca per ingrandire
Un'illustrazione di Manet
Clicca per ingrandire
The Raven di Gustav Doré
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

CRYPTIC WRITINGS - #40: My Lost Lenore - Tristania
11/10/2014 (1707 letture)
Ah, distinctly I remember it was in the bleak December and each separate dyining ember wrought its ghost upon the floor. Eagerly I wish the morrow – vainly I had sought to borrow from my books surcease of sorrow – sorrow for the lost Lenore - for the rare and radiant maiden whom the angels name Lenore - Nameless here for evermore.

Ah, distintamente ricordo che si era in un desolato dicembre e che ogni stizzo morente disegnava dal camino un suo spettro sul pavimento. Desideravo ansioso il mattino – giacché invano avevo chiesto ai miei libri di lenire il dolore – il dolore per la perduta Lenore - per la rara e radiosa fanciulla che gli angeli chiamano Lenore - ma che qui non avrà un nome mai più.

Sono le struggenti parole di un amante che ha appena perso la sua amata, soprattutto sono anche alcuni versi di uno dei più famosi poemetti di Edgar Allan Poe, l'autore che ha alimentato l'immaginario comune di diverse generazioni con le sue ambientazioni oscure e i suoi racconti ricchi di suspance, l'uomo che ha passato la sua esistenza ossessionato proprio come quei personaggi da lui stesso ritratti nelle loro manie e che forse erano soprattutto un riflesso di se stesso più che pura fantasia.
Ammirato da Baudelaire e da Wilde, ma non solo, è anche lo scrittore da cui molte band hanno preso ispirazione, e proprio uno dei gruppi che è annoverato tra i modelli del gothic non si è lasciato sfuggire l'occasione di attingere da quelle celebri atmosfere decadenti e malinconiche che Poe prima di tutti era riuscito a creare.
Stiamo parlando dei Tristania, il gruppo norvegese che con il suo primo esperimento in studio, Widow's Weeds (che neanche a dirlo in epoca vittoriana era la tenuta comportamentale che si doveva seguire nel periodo successivo ad un lutto), si è cimentato in un'interpretazione personale del capolavoro poetico di Poe Il Corvo, non è infatti un caso che una della canzoni più coinvolgenti dell'album porti come titolo proprio un verso di questa poesia, se ancora non l'avete capito ci stiamo riferendo proprio a My Lost Lenore. La Lenore di cui stiamo parlando prende vita, o meglio viene raffigurata ormai scomparsa, in Lenore, una breve poesia composta da Poe qualche anno prima di The Raven, ma è poi in questo componimento che la ragazza “ritorna” come perno del discorso tra l'uomo ancora tormentato per la perdita della fanciulla e il famigerato corvo che continua a rispondere con quell'angoscioso e implacabile “Nevermore” spazzando via ogni illusione ancora viva nel ragazzo.
La stessa atmosfera mesta e oscura viene abilmente messa in musica dal gruppo capitanato da Morten Veland, band che forse l'autore statunitense, se fosse vissuto ai giorni nostri, avrebbe messo come sottofondo nei momenti di solitudine intento a scrivere l'ennesimo capolavoro, ma ora ecco a voi un'interpretazione di My Lost Lenore.

Il brano sembra aprirsi già nel pieno dell'azione: un piano implacabile incalza con un ossessivo ostinato, le chitarre ronzanti creano attesa, fin dall'inizio viene espresso tutto il tormento per la perdita dell'amata Lenore, ma subito dopo la melodia si fa più quieta e inizia a farsi strada il dolce cantato di Vibeke Stene che compare quasi come un angelo, la sua voce e il sussurrato si uniscono presentando la scena poeticamente: nessuna promessa fatta tra i due amanti potrà più avere un seguito, lui non potrà più vedere i suoi occhi neri e nemmeno la sua bellezza, l'unica possibilità che gli resta è quella di coprire con le sue lacrime quelle della ragazza.

For thy promise bewailed
By her raveneyes
By her beauty and a scarlet sunrise
May thy river bury her silvertears
A fallen angel enshrined in moonlit seas


Per la tua promessa tormentata
dai suoi occhi corvini
dalla sua bellezza e un'alba scarlatta
possa il tuo fiume seppellire le sue lacrime d'argento
un angelo caduto custodito nei mari illuminati dalla luna


Ma appare la presenza angelica, ma non per questo meno penetrante, di Lenore, la sua vita ormai l'ha abbandonata, le tenebre iniziano a scendere inesorabilmente sulla sua essenza, i venti freddi e taglienti di un inverno inoltrato sembrano sollevare la sua anima e portarla via per sempre, nonostante tutto le sue braccia sono ancora protese nell'atto di abbracciare il suo amato.

Leaving vitality
So serene breeds my darkness
Entreating winterwinds
Though I leave... I embrace thee


La vitalità che sta svanendo
alimenta così serena le mie tenebre
supplicanti venti invernali
sebbene io parta... ti abbraccio


In un crescendo compare tutto lo struggimento del protagonista maschile di questo dramma, la sua voce è quasi sfigurata dal dolore e nella notte d'inverno l'unica cosa da fare è cercare conforto nel proprio strazio, poiché è l'unico posto dove può ancora ritrovare la sua amata, ormai ogni punto di riferimento è perso e così vaga per quel sentiero che è la vita che sembra però farsi sempre più stretta e soffocante.

Winternight
Conceal thy precious angellore
I secrete my soul
Under thy wings of sorrow
Dark I embrace thy eyes
Wander lost on life's narrow path
I reveal my heart
To this beauty dressed in dark


Notte d'inverno
conserva la tua preziosa natura angelica
Io celo la mia anima
sotto le tue ali di dolore
Fosco abbraccio i tuoi occhi
errando perduto sullo stretto sentiero della vita
Io svelo il mio cuore
a questa bellezza vestita di nero


Nuovamente l'aria sembra sospendersi, le ombre si allungano con grazia mentre scende la sera, come in una gelida notte invernale in cui anche l'aria sembra fermarsi, ritorna la dolce voce dell'amata che si unisce al bisbiglio, ma è il momento in cui definitivamente sembra spezzarsi quel legame che ancora univa nel mondo terreno i due amanti, la luna infatti sorgerà, ma in assenza dell'amata.

When my shadows devotedly cast
My moon will rise with lost


Quando le mie ombre si stenderanno
la mia luna sorgerà con questa perdita


Dancing heart I mourn
My lost desire
dancing heart I mourn
rape the soul forever


Soffro per il cuore vacillante
Il mio desiderio perduto
Soffro per il cuore vacillante
Violenta l'anima per sempre


La notte però trascorre insonne, nessun balsamo può lenire l'anima dalla dolorosa assenza, nemmeno la dolce brezza estiva, che sembra soltanto un lontano ricordo confinato nei giorni felici, i suoi occhi finalmente si chiudono proprio quando inizia ad albeggiare.

Grieving raveneyes
Falls asleep with the sunrise
Delightful midsummer breeze
Though I leave... I await thee


Tristi occhi corvini
Si addormenta col levarsi del sole
Piacevole brezza estiva
Sebbene io parta... io ti attendo


Ritorna però con tutta la sua prepotenza la melodia tormentata del piano e il cantato di Veland, è così riaffermata l'assenza di ogni via d'uscita da questa triste situazione, ma lo struggimento raggiunge il suo apice: le due voci si incontrano in un duetto che anziché affermare la vicinanza dei due spiriti sembra confermare ulteriormente la loro lontananza, l'unica necessità è che tutto il dolore cessi dopo una nottata in cui il desiderio inappagato non ha trovato pace, la speranza di risollevare l'animo dolorante del giovane è posta nel futuro.

Grant me thy last midsummer breeze
May thou ascend from endless sleep
… my desire
Dance me above thy moonlit seas
Glance yarningly into the deep
A cold and weary night


Concedimi la tua ultima brezza estiva
possa tu sollevarti dal mio sonno senza fine
Mio desiderio
guidami sui tuoi mari illuminati dalla luna
getta uno sguardo avido nel profondo
una notte fredda e sfiaccante


L'ultimo ritornello sembra sancire l'impossibilità della ripresa del giovane dalla morte dell'amata, nessuna brezza estiva potrà portare calore nel suo cuore ormai votato alla freddezza, incatenato all'esistenza terrena il ragazzo non può ancora raggiungere l'amata nell'aldilà e tutto ciò che gli rimane è crogiolarsi nella tristezza e nel ricordo della sua Lenore.

Winternight
Descending me like flakes of snow
I embrace the cold
For life that morrows
Dark I embrace thy heart
Wanderer lost beyond veils of dawn
I conceal thy loss enthralled in life yet still I mourn
My lost Lenore


Notte d'inverno
discendendo su di me come fiocchi di neve
abbraccio il freddo
per una vita che sta raggiungendo l'alba
fosco io abbraccio il tuo cuore
errabondo perduto oltre i veli dell'aurora
conservo la tua perdita
ancora incatenato alla vita soffro
mia perduta Lenore


La “lost Lenore” sembra dissolversi ancora di più, sono infatti quelle note acutissime di piano lasciate morire pian piano e che riprendono il tema dell'intero brano ad apparire come l'ultimo segnale dello spirito dell'amata, che nonostante tutto continua pur sempre ad aleggiare, se non nello spazio fisico, almeno in quello del cuore dell'amante, quasi a voler riaffermare che il contatto tra i due ormai non potrà più essere concreto, ma soltanto spirituale.

Poe ricordava ne La filosofia della composizione che Quando essa, la Morte, si allea più strettamente con la bellezza. La morte quindi di una bella donna è indiscutibilmente l'argomento più poetico che vi sia al mondo. Altrettanto fuor di dubbio, le labbra più adatte per un tale argomento non potranno che essere quelle di un amante in lutto per la sua amata e anche Morten Veland si trasforma per l'occasione in quell'amante addolorato per la perdita.
Allargando il tema della perdita però si può arrivare anche a un'altra interpretazione, infatti questa mancanza non necessariamente deve essere vista come la vera e propria morte fisica della persona amata. Tutti almeno una volta nella vita abbiamo attraversato quel momento così buio di quando l'amato ci abbandona semplicemente perché l'amore è finito, eppure nel nostro cuore il sentimento sembra rinforzarsi proprio perché è diventato a senso unico e ci sembra che il legame che ci tratteneva all'altra metà sia ancora così forte.
E così si finisce per cantare sempre dell'amore, a distanza di generazioni, non importa quanto il contesto attorno a noi sia cambiato, che sia la Boston di metà Ottocento o la Norvegia degli anni '90, il desiderio di avere l'amato accanto rimane -ahimé- inappagato e si gioca dei nostri sensi e della nostra ragione diventando un'ossessione che ci tormenta la notte quando tutto sembra calmarsi, ma è proprio quello il momento in cui gli spettri della nostra mente iniziano ad aggirarsi senza pace.
Un dolore forse necessario per comporre capolavori, perché seguendo ancora le parole di Poe: Lasciate che vi ricordi che una tale tinta di tristezza è inseparabilmente legata (né sappiamo come e perché) con le più alte manifestazioni del Bello autentico e quando le parole sono unite alla musica non possono che scaturire piccole perle come My Lost Lenore.



Prometheus
Sabato 25 Luglio 2015, 3.22.18
5
*perfetta
Prometheus
Sabato 25 Luglio 2015, 3.22.09
4
Amo questa canzone, amo i vecchi Tristania e amo tantissimo Poe. Combinazione peretta!
Arianrhod
Domenica 12 Ottobre 2014, 11.23.18
3
Grazie Michele! sì, due prospettive opposte anche a livello musicale!
Michele "Axoras"
Sabato 11 Ottobre 2014, 14.16.50
2
Ciao Giada, complimenti per l'articolo e grazie per la citazione, ho apprezzato tantissimo il collegamento. E' proprio bello aver dato due visioni dello stesso argomento così diverse e particolari. Complimenti ancora collega !
Radamanthis
Sabato 11 Ottobre 2014, 11.41.18
1
La vera grande traccia che parla del poema di Poe è The Raven del grande My Refuge!!!! \m/
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Morten Veland
Clicca per ingrandire
The Raven
Clicca per ingrandire
Vibeke Stene
Clicca per ingrandire
La copertina di Widow's Weeds
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]